La mia Altrove

Avevo promesso di tornare a settembre con un mucchio di nuove storie da raccontarvi. Avevo promesso di rifare il look alla baracca e di trasformarla in un sito vero. Avevo promesso e non ho mantenuto neanche una di quelle promesse. Qual è il punto? Il punto è che tempo fa un tizio –con un livello di umorismo da b-movie anni ottanta della domenica pomeriggio– mi ha offerto ben cinque euro per comprare il mio blog. E’ successo. Sebbene fosse un’offerta estremamente allettante per le mie tasche perennemente vuote, ho rifiutato, ma non prima di aver tirato sul prezzo almeno fino a dieci euro. Poi oggi ho pensato: ma che sto facendo! Ho un blog che vale almeno dieci euro e non lo uso per riempire l’internet con un altro po’ di cazzate?! i mean..c’mon!!!!!!!!! Perciò, visto che fuori piove e che oggi non è il giorno in cui inizierò a fare ginnastica nel tempo libero, eccovi una carrellata di fatti che non riempiranno le vostre vite nemmeno un po’. Pronti? Via!

tumblr_mgwef0bbpw1rwbcf3o1_500

E’ strano rendersi conto di non sapere da dove cominciare, ma credo sia più semplice iniziare con la prima cosa che mi viene in mente.

Mi sono sposata. Sono una donna sposata. Faccio parte di un nucleo familiare che non include più me, i miei genitori e i miei due fratelli ma me e mio marito. Mio marito. Io ho un marito. In caso non l’abbiate notato faccio ancora un po’ di fatica ad abituarmi all’idea, sebbene la situazione mi renda incredibilmente felice, e credo che l’aver ripetuto un milione di volte le parole marito – moglie – matrimonio abbia reso il processo di assimilazione ancora più difficoltoso e strano. Forse dovrei rilassarmi e lasciare che tutto prenda forma da sé. Ad ogni modo è successo e la combinazione di preparativi – matrimonio – luna di miele mi ha risucchiata in un vortice di sensazioni nuove, chiarendomi definitivamente che io della vita non so assolutamente niente. Ma di questo parlerò in un altro post – oddio odio chiamarlo post.

tumblr_mjz8u06Pme1s4wiedo1_500

Ho scoperto l’America. Cioè, quella c’era già, solo che per me è stata una scoperta. Lo so che non ha senso ma lasciatemelo dire ok? Dire “ho scoperto l’America” è tanto esagerato quanto adatto ad esprimere l’entusiasmo con cui ho intrapreso quel viaggio. Ho viaggiato da un lato all’altro degli Stati Uniti, ho stressato i miei piedi ridicolmente grandi per giornate intere, percorrendo strade di cui sapevo a memoria i nomi pur non avendole mai calpestate, per poi ritrovarmi su una spiaggia che somigliava in modo assurdo agli sfondi di windows, avete presente? Quelli con la sabbia bianchissima e la palma solitaria che si inclina sul pelo dell’acqua. Ecco, io sono stata .

tumblr_ny6yemuylB1tchrkco1_500

Dopo aver trascorso venti giorni in alberghi e autobus e treni e dopo aver preso mille aerei e aver affrontato – devo dire abbastanza coraggiosamente- qualcosa come mille ore di volo ho capito che nessun posto più dell’America ti fa apprezzare il valore delle cose semplici, come tornare a casa e sdraiarti sul tuo divano senza che qualcuno ti chieda la carta di credito per un deposito di trecento dollari.

tumblr_ndlhstjqKh1tsxg6oo1_500

Ho trovato la mia Altrove. Visti i cambiamenti dell’ultimo periodo, anche il mio habitat doveva necessariamente adattarsi al meccanismo di evoluzione perciò ora vivo in un appartamento che non fatico a chiamare casa. A molti di voi sembrerà una banalità ma anni di stanze in affitto in quartieri pieni di pazzi, in appartamenti fatiscenti abitati da creature selvagge e si, a volte anche da animali domestici, mi hanno insegnato che acqua corrente e quattro mura intorno al bagno non significano per forza casa dolce casa. Dunque ora parcheggio nel posto assegnato, non dimentico mai le chiavi e saluto sempre i miei vicini perché qui salutano tutti e devo dire che all’inizio la cosa mi sembrava strana. Ho abitato troppo a lungo al Pigneto e avevo dimenticato che ci si saluta tra inquilini. Nuovo appartamento, nuovo quartiere, nuova città. Sembra che dovrò aggiornare la galleria degli imbecilli e adattarla alla nuova location. Ho una lista di idioti da premiare che continua ad allungarsi.

tumblr_o76b01fp9l1rx7pfso1_500

Per il resto sono ancora io, ho i capelli un po’ più corti e non ho ancora perso un chilo. Presto online con altre cazzate.

Buonanotte internet

S.

tumblr_nagt10ufvh1r7p544o1_400

Advertisements

3 comments

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s